Posizione

"Così bella non ti ho vista mai
addormentata sul tuo mar
sei come una favola che non so narrar."
(popolare canzone veneziana di Pallesi-Malgoni)

Per passare dalla serena tranquillità di Calle Venier al turbinio del mercato ed il ponte di Rialto, vi bastano, zompettando tra calli, campielli e sòtoporteghi (i tipici passaggi di collegamento), 5 minuti. Ma anche di più, perché… perdersi a Venezia è divertente!

Per passare dalla serena tranquillità di Calle Venier al turbinio del mercato ed il ponte di Rialto, vi bastano, zompettando tra calli, campielli e sòtoporteghi (i tipici passaggi di collegamento), 5 minuti. Ma anche di più, perché… perdersi a Venezia è divertente!

Quando invece la vostra meta sarà un imperdibile evento nella vicina Piazza San Marco, per fare shopping nelle boutique di Missoni od Armani, per visitare il museo Correr, non dimenticatevi di fare uno stop al Bacino Orseolo. Oltre ad essere delizioso alla vista per le sue luci e riflessi, è da questo approdo nel cuore della città che partono i gruppi di gondole, con a bordo i musicanti che vi canteranno le “serenate”.

NEI DINTORNI

La chiesa SS. Apostoli
Venezia ospita più di 200 chiese, dislocate in ogni angolo della città. Nel campo SS. Apostoli, a Cannaregio, trovate l’omonima chiesa. Risalente al IX secolo, custode, sull’altare, di preziosi affreschi del Tiepolo, è ammantata da una leggenda. Un vescovo avrebbe, in un'estasi mistica, visto i 12 Apostoli ordinargli di costruire una chiesa nel luogo in cui avesse incontrato un gruppo di dodici gru, ovvero nel sito dove si insediarono i primissimi abitanti delle isole veneziane.